Incidente in moto a S. Stefano Belbo, perde la vita il 24enne Michele Bertero

Incidente in moto a S. Stefano Belbo, perde la vita il 24enne Michele Bertero

La famiglia di Michele Bertero è in attesa del nulla osta da parte della Procura di Cuneo per poter celebrare i funerali e rendere così finalmente omaggio al 24enne deceduto ieri a causa di un incidente stradale, ricordandone la grande passione per il rally, la pallapugno e l’attività di volontariato nella Pro loco di Rocchetta Belbo.

Michele stava percorrendo in sella alla sua moto la strada che costeggia le Cantine “Vallebelbo” a Santo Stefano Belbo, quando nei pressi dello svincolo per Camo si è scontrato con un’auto. Immediati i soccorsi, prima da parte di alcuni automobilisti che hanno assistito alla scena e poi dall’equipe del 118 che ha fatto intervenire l’elisoccorso. Nulla si è potuto per salvare la vita al ragazzo.

Le indagini sono affidate ai Carabinieri della Compagnia di Alba che dovranno far luce sulla dinamica passando al vaglio tutte le opzioni, come si fa in questi casi per risalire alle cause che hanno portato allo schianto.

In questi casi nulla deve essere lasciato al caso per risalire alla verità e dare giustizia alla vittima. Oltre agli accertamenti di rito sulle condizioni dei due conducenti, gli inquirenti dovranno quindi verificare la presenza di telecamere e ascoltare i testimoni presenti, per avere un quadro netto di quanto accaduto.

Michele lavorava presso la Tecnometal di Rocchetta Belbo e abitava con il padre Flavio, cantoniere, e la madre Bruna, operaia alla Cascina San Giovanni. Lascia anche la fidanzata e la sorella Simona. Le sue passioni, il rally e la pallapugno, sport nei quali si era cimentato anche in attività agonistica, militando in formazioni giovanili, lo avevano reso popolare così come il suo gran cuore, in particolare durante le feste patronali quando contribuiva ad organizzare gli eventi e non si tirava indietro quando c’era da servire ai tavoli come cameriere.

Ora non resta che fare luce su questa tragica vicenda che ha colpito al cuore l’intera comunità di Rocchetta Belbo.


Info - Line

Per  informazioni contattare il numero 02-823.967.22 dal Lunedì al Venerdì 9:00/13:00 - 14:00/18:00 Mail: info@fondovs.it

Altri modi per donare

Con bonifico bancario
Intestato a Fondo Vittime della Strada
BancoPosta
IBAN: IT91R0760101600000097175442

Con bollettino postale
Intestato a Fondo Vittime della Strada
Conto corrente postale n° 97175442

Il Fondo Vittime della Strada è gestito dalla AFVS - Associazione Familiari e Vittime della Strada - ONLUS, Sede Legale: Viale Abruzzi 13/A – 20131 Milano – Codice Fiscale n. 97425270150 – P.IVA 07712560965 - Fondo Vittime della Strada è un marchio registrato.