Introduzione

Per effettuare una donazione libera, puoi scegliere uno degli importi predefiniti o inserire la cifra che desideri donare. Al termine della procedura, invieremo via mail la ricevuta di pagamento che potrai utilizzare per le detrazioni fiscali.

Donazione libera

da paolo chiesa

  • Non Impostato

    Obiettivo Di Finanziamento
  • 0,00

    I Fondi Raccolti
  • Nessun termine fissato

    Metodo fine Campagna
Percentuale raggiunta :
0%
Importo minimo è di € Importo massimo è €

paolo chiesa

4 Campagne | 0 Amato campagne

Vedere full bio

Descrizione

PAGAMENTI SICURI

Dona in sicurezza con il circuito di pagamento diretto attraverso GestPay di Banca Sella S.p.A. la più utilizzata e intuitiva piattaforma di pagamento online. Puoi scegliere molteplici metodi di pagamento.

 

 


Benefici Fiscali

Il Fondo Vittime della Strada è gestito dall’AFVS – Associazione familiari e vittime della strada, Ente del Terzo Settore. Tutte le donazioni a favore della AFVS sono, ai sensi dell’art. 83 del D.lgs. n. 117/2017, fiscalmente deducibili o detraibili secondo i limiti indicati dalla legge, purché siano tracciabili e quindi effettuate attraverso bonifici bancari, versamenti in conto corrente postale, assegni circolari o bancari intestati a AFVS Associazione Familiari e Vittime della Strada recanti la clausola “non trasferibile” e carte di credito (anche prepagate).

Persone fisiche: Le donazioni liberali in denaro o in natura sono detraibili dall’imposta lorda per una somma pari al 30% delle erogazioni liberali, per un importo complessivo in ciascun periodo d’imposta non superiore a 30.000 euro. In alternativa sono deducibili dal reddito complessivo netto nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato (art.83 co.1 e 2 D.lgs n.117/2017).

Enti e società: Le donazioni liberali in denaro o in natura sono deducibili dal reddito complessivo netto nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato. L’eventuale eccedenza può essere computata in aumento dell’importo deducibile dal reddito complessivo dei periodi di imposta successivi, ma non oltre il quarto anno, fino a concorrenza del suo ammontare (art.83 co.2 D.lgs n.117/2017).