Cordoglio e tanta tristezza per Don Edmund Kamiński, il parroco ciclista, investito da un Bus

Cordoglio e tanta tristezza per Don Edmund Kamiński, il parroco ciclista, investito da un Bus

Ha perso la sua battaglia il 54enne che in sella alla sua bici da corsa nel primissimo pomeriggio di sabato 25 luglio era rimasto vittima di un grave incidente stradale contro un autobus di linea.

Don Edmund Kamiński, si chiamava così il parroco ciclista, era sacerdote della parrocchia di San Matteo Apostolo nel popoloso quartiere di Campitello, in provincia di Terni.

Da quanto appreso, don Edmund si trovava già a terra, non è chiaro se per una semplice caduta o per un malore, quando è stato colpito dal bus in transito. Il conducente del bus, un 51enne ternano, nonostante la frenata non è riuscito ad evitare l’impatto. Il bus trasportava alcuni passeggeri, tutti illesi.

È servito l’intervento dei vigili del fuoco di Terni che hanno utilizzato dei cuscini sollevatori ad aria per estrarre il ferito da sotto il mezzo pesante, che, cosciente, è stato soccorso dagli operatori del 118 e trasportato d’urgenza in ospedale con codice della massima gravità. Nel tardo pomeriggio di sabato le condizioni del parroco sono peggiorate in ragione anche del politrauma riportato; in tarda serata è stato poi sottoposto ad un delicato intervento chirurgico ma nella giornata di ieri è arrivata la notizia del decesso.

Don Edmund Kaminski era nato a Kamianki (Polonia) il 31 luglio 1966 ed è stato ordinato sacerdote a Lomza (Polonia) il 29 giugno 1991. È stato per lungo tempo sacerdote fidei donum nella missione diocesana di Ntambue nella Repubblica Democratica del Congo, dove ha dato un importante contributo nella fondazione e docenza presso l’università cattolica del Kasai. Al suo rientro in Italia gli è stata affidata la parrocchia di San Matteo a Campitello di Terni, dove era attualmente parroco dal 2005. Sacerdote discreto e dalla profonda sensibilità, amato e stimato dall’intera comunità diocesana per le sue doti umane e spirituali, per la generosità e disponibilità verso tutti, in particolare i ragazzi e i giovani. Anche dopo aver lasciato la missione è stato animatore di numerose iniziative pro missione nella sua parrocchia e in diocesi, portando sempre una testimonianza non banale, ma ricca del suo vissuto e dell’esperienza che lo aveva profondamente arricchito.

L’intera comunità di fedeli e amici del parroco si era stretta in preghiera nella speranza che potesse farcela.


Info - Line

Per  informazioni contattare il numero 02-823.967.22 dal Lunedì al Venerdì 9:00/13:00 - 14:00/18:00 Mail: info@fondovs.it

Altri modi per donare

Con bonifico bancario
Intestato a Fondo Vittime della Strada
BancoPosta
IBAN: IT91R0760101600000097175442

Con bollettino postale
Intestato a Fondo Vittime della Strada
Conto corrente postale n° 97175442

Il Fondo Vittime della Strada è gestito dalla AFVS - Associazione Familiari e Vittime della Strada - ONLUS, Sede Legale: Viale Abruzzi 13/A – 20131 Milano – Codice Fiscale n. 97425270150 – P.IVA 07712560965 - Fondo Vittime della Strada è un marchio registrato.